GIULIA MASIERO SI RACCONTA

Coraggio, determinazione
e freschezza

Il vino è terra e lo rimane fino al momento in cui arriva su una tavola: in quel momento si trasforma, diventa emozione, diventa risposta.

E’ cosi che mi sono avvicinata al vino, con grande rispetto e passione per questo imprevedibile “liquido odoroso” e con il tempo la curiosità si è spinta oltre il bicchiere.

GIULIA MASIERO SI RACCONTA

Coraggio, determinazione
e freschezza

Il vino è terra e lo rimane fino al momento in cui arriva su una tavola: in quel momento si trasforma, diventa emozione, diventa risposta.

E’ cosi che mi sono avvicinata al vino, con grande rispetto e passione per questo imprevedibile “liquido odoroso” e con il tempo la curiosità si è spinta oltre il bicchiere.

RUDOLF STEINER

La fermentazione spontanea avviene in tini di legno aperti, dove l’uva è lasciata in contatto con le bucce per 20 giorni. Maturazione in botti grandi di rovere per 12 mesi a affinamento in bottiglia per almeno 12 mesi. Non viene eseguita alcuna chiarifica o filtrazione.

2001
Anno d’Impianto
4000
Bottiglie Prodotte

Macerazione di 5 giorni sulle sue bucce e di fermentazione spontanea con i suoi lieviti indigeni in cemento, senza chiarifiche o filtrazioni. Tiraggio con solo mosto di senese (3%), uva autoctona di questa zona, per arrivare alla fermentazione sempre spontanea in bottiglia con l’innalzamento delle temperature in primavera. NON viene fatta sboccatura, perciò il vino si presenta naturalmente torbido sui lieviti, che ne salvaguardano la longevità.

1990
Anno d’Impianto
1500
Bottiglie Prodotte

La fermentazione spontanea avviene in tini di legno aperti, dove l’uva è lasciata in contatto con le bucce per 30 giorni. Maturazione e affinamento in grandi vasche di cemento per 12 mesi. Non viene eseguita alcuna chiarifica o filtrazione.

1940
Anno d’Impianto
5000
Bottiglie Prodotte

L’uva viene sottoposta ad una diraspatura e successiva macerazione di 3 mesi in cemento; la fermentazione avviene spontaneamente con i suoi lieviti indigeni in botti di legno di frassino e l’affinamento si conclude in una botte di marmo. Il vino è stato imbottigliato senza alcuna precedente chiarifica o filtrazione.

1990
Anno d’Impianto
3000
Bottiglie Prodotte

La fermentazione spontanea avviene in tini di legno aperti, dove l’uva è lasciata in contatto con le bucce per 15 giorni. Maturazione in botti grandi di rovere per almeno 6 mesi. Non viene eseguita alcuna chiarifica o filtrazione.

2009
Anno d’Impianto
2000
Bottiglie Prodotte

Mazero

L’uva viene raccolta e subito pressata. La fermentazione avviene spontaneamente con i suoi lieviti indigeni in acciaio e si conclude in botti di acacia, dove riposa fino al momento della presa di spuma. La rifermentazione in bottiglia avviene con la sola aggiunta di mosto di uva BOSCHERA (10%). Le bottiglie rimangono 24 mesi sui lieviti prima i essere sboccate e subito ritappate, aggiungendo soltanto la quantità di vino persa durante il processo

1990
Anno d’Impianto
3000
Bottiglie Prodotte

La fermentazione spontanea avviene in tini di legno aperti, dove l’uva è lasciata in contatto con le bucce per 20 giorni. Maturazione in botti grandi di rovere per 12 mesi a affinamento in bottiglia per almeno 12 mesi. Non viene eseguita alcuna chiarifica o filtrazione.

2001
Anno d’Impianto
4000
Bottiglie Prodotte

Macerazione di 5 giorni sulle sue bucce e di fermentazione spontanea con i suoi lieviti indigeni in cemento, senza chiarifiche o filtrazioni. Tiraggio con solo mosto di senese (3%), uva autoctona di questa zona, per arrivare alla fermentazione sempre spontanea in bottiglia con l’innalzamento delle temperature in primavera. NON viene fatta sboccatura, perciò il vino si presenta naturalmente torbido sui lieviti, che ne salvaguardano la longevità.

1990
Anno d’Impianto
1500
Bottiglie Prodotte

La fermentazione spontanea avviene in tini di legno aperti, dove l’uva è lasciata in contatto con le bucce per 30 giorni. Maturazione e affinamento in grandi vasche di cemento per 12 mesi. Non viene eseguita alcuna chiarifica o filtrazione.

1940
Anno d’Impianto
5000
Bottiglie Prodotte

L’uva viene sottoposta ad una diraspatura e successiva macerazione di 3 mesi in cemento; la fermentazione avviene spontaneamente con i suoi lieviti indigeni in botti di legno di frassino e l’affinamento si conclude in una botte di marmo. Il vino è stato imbottigliato senza alcuna chiarifica o filtrazione.

1990
Anno d’Impianto
3000
Bottiglie Prodotte

La fermentazione spontanea avviene in tini di legno aperti, dove l’uva è lasciata a contatto con le bucce per 15 giorni. Maturazione in botti grandi di rovere per un anno e affinamento in bottiglia per almeno 6 mesi. Non viene eseguita alcuna chiarifica o filtrazione.

2009
Anno d’Impianto
2000
Bottiglie Prodotte

L’uva viene raccolta e subito pressata. La fermentazione avviene spontaneamente con i suoi lieviti indigeni in acciaio e si conclude in botti di acacia, dove riposa fino al momento della presa di spuma. La rifermentazione in bottiglia avviene con la sola aggiunta di mosto di uva BOSCHERA (10%). Le bottiglie rimangono 24 mesi sui lieviti prima i essere sboccate e subito ritappate, aggiungendo soltanto la quantità di vino persa durante il processo

1990
Anno d’Impianto
3000
Bottiglie Prodotte

La fermentazione spontanea avviene in tini di legno aperti, dove l’uva è lasciata in contatto con le bucce per 20 giorni. Maturazione in botti grandi di rovere per 12 mesi a affinamento in bottiglia per almeno 12 mesi. Non viene eseguita alcuna chiarifica o filtrazione.

2001
Anno d’Impianto
4000
Bottiglie Prodotte

Macerazione di 5 giorni sulle sue bucce e di fermentazione spontanea con i suoi lieviti indigeni in cemento, senza chiarifiche o filtrazioni. Tiraggio con solo mosto di senese (3%), uva autoctona di questa zona, per arrivare alla fermentazione sempre spontanea in bottiglia con l’innalzamento delle temperature in primavera. NON viene fatta sboccatura, perciò il vino si presenta naturalmente torbido sui lieviti, che ne salvaguardano la longevità.

1990
Anno d’Impianto
1500
Bottiglie Prodotte

La fermentazione spontanea avviene in tini di legno aperti, dove l’uva è lasciata in contatto con le bucce per 30 giorni. Maturazione e affinamento in grandi vasche di cemento per 12 mesi. Non viene eseguita alcuna chiarifica o filtrazione.

1940
Anno d’Impianto
5000
Bottiglie Prodotte

L’uva viene sottoposta ad una diraspatura e successiva macerazione di 3 mesi in cemento; la fermentazione avviene spontaneamente con i suoi lieviti indigeni in botti di legno di frassino e l’affinamento si conclude in una botte di marmo. Il vino è stato imbottigliato senza alcuna precedente chiarifica o filtrazione.

1990
Anno d’Impianto
3000
Bottiglie Prodotte

La fermentazione spontanea avviene in tini di legno aperti, dove l’uva è lasciata in contatto con le bucce per 15 giorni. Maturazione in botti grandi di rovere per almeno 6 mesi. Non viene eseguita alcuna chiarifica o filtrazione.

2009
Anno d’Impianto
2000
Bottiglie Prodotte

L’uva viene raccolta e subito pressata. La fermentazione avviene spontaneamente con i suoi lieviti indigeni in acciaio e si conclude in botti di acacia, dove riposa fino al momento della presa di spuma. La rifermentazione in bottiglia avviene con la sola aggiunta di mosto di uva BOSCHERA (10%). Le bottiglie rimangono 24 mesi sui lieviti prima i essere sboccate e subito ritappate, aggiungendo soltanto la quantità di vino persa durante il processo

1990
Anno d’Impianto
3000
Bottiglie Prodotte